Custom Search

lundi 20 février 2017

SPESA PUBBLICA MAGGIORI STATI EZ

<
PUBBLIC GROSS EXPENDITURE RELEVANTS EZ COUNTRIES

mercredi 11 janvier 2017

MPS E DEBITORI.

REBLOGGED Ecco i primi nomi dei grandi debitori che non restituiscono i soldi al Monte dei Paschi di Siena, obbligando noi italiani a ripianare i loro debiti con 10 miliardi di euro (di denaro pubblico). Carlo De Benedetti è in Poll position con circa 2 miliardi di euro. L'imprenditore di Ivrea con il suo quotidiano La Repubblica fu il primo ad alitare sul fuoco di Tangentopoli. Il suo giornale in quei giorni del '93 vomitava editoriali e cronache velenose sulla necessità di MORALIZZAZIONE del tessuto politico della società italiana. Dalle colonne de La Repubblica Eugenio Scalfari ed i suoi giornalisti spingevano per roghi e ghigliottine (senza neanche processi sommari.....bastavano gli avvisi di garanzia) per tutti i grandi rappresentanti politici della Prima Repubblica (ad eccezione dei rappresentanti del PCI) che furono soltanto lambiti dall'inchiesta di Mani Pulite (ma Primo Greganti - a differenza di un qualsiasi Mario Chiesa - non spiffero' nulla a proposito del finanziamento illecito del PCI). La gratitudine di ciò che si trasformo' dell'ex PCI e dei segmenti di Magistratura Democratica, ricambio' la cortesia e lo sforzo editoriale di De Benedetti, con la sentenza "scandalosa" nel processo sul Lodo Mondadori, in cui De Benedetti si vide premiato con un risarcimento miliardario del danno presunto subito da Berlusconi. De Benedetti dopo aver ricevuto da Mediaset circa un miliardo di euro -per i danni derivanti dalla divisione di ciò che restava della Mondadori e Rete4 da L'Espresso e La Repubblica- usò quei denari per allungare le mani su Sorgenia (energia) e si fece prestare dal Monte dei Paschi altri due miliardi di euro per completare l'operazione. Dopo essersi trovato in cattive acque pensò bene fi mettersi al riparo lasciando il cerino acceso del prestito mai restituito alla banca senese. Questa è l'Italia di quelli che descrivevano questo paese come la culla di ogni immoralità - ma solo in campo politico....e solamente a carico di una sola parte politica....ai tempi di Tangentopoli. Di seguito riporto l'articolo del Sole 24h con i primi nomi della lunga lista di BENEFICIATI del Monte Paschi di Siena. Brilla anche il nome di Punzo....un affarista napoletano di lungo corso balzato alle cronache in quanto socio di Diego Della Valle nel treno Italo....era di tanti altri.... "Nella lista nera dei grandi debitori morosi, che hanno affossato Mps portandola a cumulare 47 miliardi di prestiti malati, ci sono nomi eccellenti dell’Italia che conta. Dai grandi imprenditori, agli immobiliaristi, al sistema delle coop rosse fino alla giungla delle partecipate pubbliche della Toscana. Il parterre è ecumenico sul piano politico. Centro-sinistra, Centro-destra pari sono. Del resto per una banca guidata per decenni da una Fondazione espressione della politica era quasi naturale l’arma del credito come strumento di consenso e di scambio. Tra i protagonisti di spicco più emblematici, come ha ricostruito Il Sole24Ore, figura sicuramente la famiglia De Benedetti e la sua Sorgenia. Emblematica per dimensioni e per quel ruolo innaturale che ha svolto Mps. La Sorgenia si è indebitata per 1,8 miliardi con il sistema bancario. La sola Mps, chissà come, si è caricata di ben un terzo di quel fardello. Seicento milioni erano appannaggio del solo istituto senese che ha fatto lo sforzo più ingente rispetto al pool di 15 istituti che avevano finanziato la società elettrica finita a gambe all’aria. I De Benedetti capita l’antifona della crisi irreversibile non si sono resi disponibili a ricapitalizzare come da richiesta delle banche. Alla fine il «pacco» Sorgenia è finito tutto in mano alle banche che hanno convertito l'esposizione creditizia in azioni. E Mps si ritrova ora azionista della Nuova Sorgenia con il 17% del capitale. Per rientrare dal credito prima o poi, occorrerà risanare la società e venderla. Oggi Sorgenia è tra gli incagli di Mps. Non solo, nel 2015 la banca ha svalutato i titoli Sorgenia per 36 milioni di euro. Ma Mps da anni si porta dietro (insieme ad altre banche) anche la fiducia accordata a Luigi Zunino. L’ex immobiliarista rampante cumulò debito con il sistema bancario per 3 miliardi. Tuttora la sua ex Risanamento è inadempiente con Mps che ha, sempre nel 2015, svalutato titoli in portafoglio per 11,6 milioni. Tra i grandi incagli di Siena ecco spuntare anche un altro nome di spicco. È Gianni Punzo azionista di peso di Ntv e patron e ideatore dell’interporto di Nola, la grande infrastruttura logistica del meridione. Da tempo la Cisfi, la finanziaria che sta in cima al complesso reticolo societario è in affanno per l’ingente peso debitorio. Anche qui le banche Mps in testa hanno convertito parte dei prestiti in azioni. Mps è oggi il primo socio della Cisfi sopra il 7% (con Punzo al 6,1%). Anche la Cisfi Spa che recepisce la crisi dell’interporto di Nola è un incaglio per Mps che ha titoli in pegno svalutati anch’essi per 11 milioni a fine del 2015. Ed ancora la ex banca di Mussari deve tuttora metabolizzare il disastro della BTp, il general contractor della ditta Bartolomei-Fusi, che aveva in Verdini un grande sponsor, protagonista più delle cronache giudiziarie recenti che di quelle economiche. Dal dissesto del contractor delle grandi opere toscano è rinata la Fenice Holding. Anche qui Mps se la ritrova in portafoglio in virtù dei prestiti non ripagati. Tra gli immobiliaristi come non citare Statuto che ha visto pignorato il suo Danieli di Venezia su cui Mps (con altri) aveva ingenti finanziamenti. E c’è il capitolo amaro della Impreme della famiglia di costruttori romani Mezzaroma che hanno portato i loro guai in casa Mps. E poi residua a bilancio dal 2007 il disastroso progetto immobiliare abortito di Casalboccone a Roma eredità dei Ligresti che vede Mps azionista (in cambio dei crediti non pagati) con il 22% del capitale. Il capitolo Coop vede Mps protagonista della ristrutturazione del debito di Unieco. Tra i dossier immobiliari c’è il finanziamento di alcuni fondi andati in default: come un veicolo gestito da Cordea Savills, finanziato con eccessiva leva da Mps, che aveva in portafoglio gli ex-immobili del fondo dei pensionati Comit. Ma Mps ha finanziato anche alcuni dei fondi di Est Capital, società finita in liquidazione che gestiva il progetto del Lido di Venezia. E infine c’è il capitolo della partecipate pubbliche. Mps è inguaiata con pegni o titoli in Scarlino Energia; Fidi Toscana; Bonifiche di Arezzo; l’Aeroporto di Siena e persino le Terme di Chianciano. La banca si ritrova a fare l’imprenditore di società in crisi quando avrebbe dovuto solo fare la banca

mardi 30 août 2016

Central Banks= Welfare for the Wealthy



REBLOGGING
PROPERTY OF  OF TWO MINDS, CHARLES HUGH SMITH
BOOKOFLANNES DOES NOT HOLD ANY RIGHT ON THIS POST, ALL RIGHTS BELONGING TO OF TWO MINDS
IF REQUESTED WE WILL REMOVE



Central banks can only do one thing, and that's provide monetary welfare for the wealthy.
The fact that central banks provide welfare for the wealthy is now entering the mainstream. The fact that all central bank policies since 2008 have dramatically increased wealth and income inequality is now grudgingly being accepted as reality by mainstream economists and the financial media.

The central banks' PR facade of noble omniscience on behalf of the great unwashed masses has cracked wide open. Even The Wall Street Journal is publishing critiques of Federal Reserve policies that suggest the Fed has no idea how the U.S. economy actually works because their policies have failed to help the bottom 95%.
The grudging admission that central bank policies have enriched the rich while failing to benefit the bottom 95% is a breakthrough--the stone wall of denial has finally been pierced. The mainstream media and the Establishment have resolutely clung to the self-serving fantasy that the Federal Reserve 1) knows what's it's doing and 2) is boosting a "recovery" that will soon achieve self-sustaining "escape velocity"--that is, the economy will generate its own growth and the Fed can dial back its zero-interest rate policy and all its other unprecedented monetary easing measures.
But like a strung-out junkie that needs ever-stronger injections of smack just to stay alive, the U.S. economy is now totally and completely dependent on central bank heroin to keep from crashing. Rather then wean the economy of central bank largesse, the Fed has made the entire economy dependent on zero interest rates, central bank asset purchases and quantitative easing.
At the mere hint that rates might rise or the Fed might cease buying assets and goosing liquidity, the stock market swoons and every sector that's dependent on cheap, abundant credit faints dead away.
We now have the charade of Chief Heroin Pusher Janet Yellen claiming the addict is "recovering" while she shoves another needle of monetary smack into the comatose U.S. economy. The Fed fantasy was that boosting the wealth of the obscenely wealthy would "trickle down" to the bottom 95% via "the wealth effect"--as stocks and bonds rose in value, households would feel wealthier and happily plunge deeper into debt.
Apparently the hordes of PhDs and "professional" economists in the Fed were incapable of observing that 3/4 of all financial wealth is held by the top 5%: the top 1% owns 43% and the next 4% own another 30%. The upper-middle class owns 15% and the bottom 80% own what little is left: "wealth" such household belongings and equity in homes that can no longer be extracted.
Globally, the top .7% (less than 1%) own 45% of all wealth and the top 8% own 85% of all wealth:
While the spending of the bottom 95% stagnates, spending by the top 5% that have benefited from the Fed's welfare for the rich has soared.
If you glance at this chart, it's no longer a mystery why most of the new jobs in the "recovery" are low-paying service-sector jobs waiting on the top 5%:bussing their dishes in fancy bistros, delivering meals to their luxe condos/homes, walking their dogs, etc.
As for "reforming" the central bank or the status quo--real reform is impossible, as I explain in my book Why Our Status Quo Failed and Is Beyond Reform. All "reform" is just PR cover for more of the same.
Central banks can only do one thing, and that's provide monetary welfare for the wealthy. Now that the central bank has enriched the obscenely wealthy, distorted markets globally and addicted the economy to cheap credit, the servile toadies and lackeys in the mainstream media and the Cargo Cult of economic "professionals" is finally admitting that it was all a fraud, a racket that favored the rich.
Wake up, America. The only way to stop widening wealth and income inequality and kick your smack addiction is to eliminate the pusher.


My new book is #9 on Kindle short reads -> politics and social science: Why Our Status Quo Failed and Is Beyond Reform ($3.95 Kindle ebook, $8.95 print edition)For more, please visit the book's website.

Posted by Charles Hugh Smith

NOTE: Contributions/subscriptions are acknowledged in the order received. Your name and email remain confidential and will not be given to any other individual, company or agency.


samedi 2 avril 2016

FEW NOTES ON BMPS ( Fabrizio Jorio Fili)



As CONSOB - the Italian Regulator- announces that none  can  " OPEN  AND  HOLD  NET SHORT POSITIONS ON XYZ SHARE"  states what follows:

Focus Certificates 3 Luglio 2015 Autore: Class CNBC negoziazioni intraday, Grecia referendum, trend laterale, tema Cina, Certificate, oro, Benchmark Open End, Bonus Cap, Cash Collect. In studio Paolo Dal Negro (UniCredit); in collegamento Fabrizio Jorio Fili (Trader) e Carlo Vallotto (Metali preziosi).

Focus Certificates 3 Luglio 2015 Autore: Class CNBC negoziazioni intraday, Grecia referendum, trend laterale, tema Cina, Certificate, oro, Benchmark Open End, Bonus Cap, Cash Collect. In studio Paolo Dal Negro (UniCredit); in collegamento Fabrizio Jorio Fili (Trader) e Carlo Vallotto (Metali preziosi).

International University of Monaco , IUM. Highly Qualified professors. fabrizio jorio fili Link to List of Intellectual contributions at IUM 2006/7/8 Fabrizio Jorio fili Proceedings too

Link to List of Intellectual contributions at IUM 2006/7/8 Fabrizio Jorio fili Proceedings too

lundi 11 janvier 2016

Disqus for bookoflannes

Intense Debate Comments